martedì 19 agosto 2014

Papa Francesco, tra riforma spirituale della Chiesa e incidenti parentali



Premessa.

Questo articolo, lo premetto subito, non piacerà ai più. Non piacerà ai cattolici, che ci vedranno un attacco alla Chiesa, non piacerà ai massoni che ci vedranno una parola positiva per la Chiesa, e non verrà capito dalla maggioranza delle persone ancora abituate a pensare in schemi di “buono – cattivo” “giusto – sbagliato” bene – male”. In particolare i complottisti, non conoscendo altro che il connubio Gesuita = male assoluto, e ignorando che la realtà ha diverse sfumature di grigio e non solo bianchi o neri, già si sono scatenati su face book, dove anche nella mia bacheca compeggiano tesi come quella di un complotto gesuita per fare pubblicità al Papa.

La storia della Chiesa non è la storia di un’istituzione monolitica che ha avuto sempre un pensiero unico e uniche correnti.
A partire dal Concilio di Nicea, la Chiesa ha tentato di soffocare, col sangue e con ogni mezzo possibile, ogni forma di spiritualità alternativa a quella cattolica, si trattasse di altre religioni (buddhista, induista, islamica) o si trattasse di cristianesimi alternativi, ma non è stata l'unica forza in campo.

In chiave spirituale, la storia della Chiesa a partire da Nicea, può anche essere letta come il tentativo di alcuni gruppi di matrice giovannita, di contrastare il potere della Chiesa cattolica, spesso infiltrandola da dentro e indebolendone la struttura.

Le forme di lotta portate avanti dai gruppi giovanniti (ovverosia Rosacroce e Templari prima, e massoni poi), si sono svolte su due fronti per certi versi del tutto opposti:

- la corruzione e la collusione con la massoneria deviata; basti ricordare Paolo VI, e i suoi rapporti con Calvi, Gelli e Ortolani, che giunsero fino al punto da insignire queste persone di titoli onorifici che davano a Gelli e Ortolani la facoltà di accedere in qualsiasi momento e senza preavviso a colloqui diretti col papa, come si trattasse di amici di vecchia data;

- la spinta spirituale. In ogni tempo e in ogni epoca gruppi di giovanniti hanno portato avanti istanze e discorsi spirituali, dall'interno della Chiesa, per spiritualizzarla. Una delle prime mosse in senso spirituale dei gruppi giovanniti fu il monachesimo, che introduceva forme di spiritualità molto avanzate, contrastanti  col potere meramente materiale dei porporati e del Papa; San Francesco, ad esempio, era un giovannita (per questo motivo intratteneva rapporti coi sufi, e godeva della protezione di Federico II, che gli mise accanto Frate Elia, alchimista di fiducia del sovrano e successore di San Francesco, che venne poi scomunicato proprio per questo motivo), come lo erano San Benedetto e San Bernardo. Talvolta, quando alcuni monaci si spingevano troppo in là, venivano assassinati o messi al rogo (San Benedetto subì tre tentativi di assassinio; Giordano Bruno venne messo al rogo; lo stesso Ignazio di Loyola per la creazione dei suoi Esercizi Spirituali rischiò il rogo).

Un grosso impulso in senso spirituale fu dato da Giovanni XXIII, che dette l’avvio al Concilio Vaticano II, stabilendo alcuni principi assolutamente innovativi per la Chiesa, dal punto di vista spirituale: la pari dignità di tutte le religioni (concetto assolutamente esplosivo per la Chiesa; non a caso il Concilio Vaticano II è visto con sfavore dai cattolici più fondamentalisti) e la possibilità di accedere alla lettura delle sacre scritture direttamente (fino agli anni ’60 infatti era proibita la lettura della Bibbia personalmente, per i fedeli; per capire la gravità della situazione basti pensare che nel 1500 William Tyndale fu messo al rogo per aver tradotto la Bibbia in inglese ad uso dei fedeli).

Il Concilio Vaticano II non fu terminato da Giovanni XXIII, che morì durante i lavori e al suo posto fu nominato un Papa, Paolo VI, che garantisse maggiore continuità con il vecchio sistema di potere.

Un forte impulso riformatore fu tentato da Papa Luciani che, come è noto, morì dopo 33 giorni di pontificato. Tra le riforme che costui voleva apportare, un rimaneggiamento dei vertici dello IOR, con la rimozione in particolare del cardinale Marcinkus, che venne invece immediatamente riconfermato da Giovanni Paolo II.

Se Giovanni Paolo II non fu così kamikaze come il suo predecessore dal punto di vista temporale, non mancò comunque di dare un notevole impulso spirituale, con l’organizzazione della Giornata Mondiale della Pace, convocando i rappresentanti di tutte le religioni ad Assisi, nel 1986: un colpo  non proprio mortale, ma decisivo, alla delirante idea portata avanti dalla Chiesa per 2000 anni, di essere l'unica detentrice della verità.

Con Papa Ratzinger si è avuto un deciso regresso spirituale, in particolare con il suo richiamo all’assolutismo religioso e la sua proclamazione del relativismo come uno dei peggiori mali dell’umanità.

Il messaggio spirituale di Papa Francesco.

Quanto a Papa Francesco invece, se dal punto di vista materiale e temporale è presto per giudicarlo, dal punto di vista spirituale ha portato delle novità senza precedenti.
Famosa è la sua dichiarazione contro tutte le lobby di potere (ovvio quindi il riferimento a massoneria, Opus Dei, e società segrete in generale).
Molto pericoloso è anche il suo continuo riferimento all'amore (chi ha letto i miei precedenti articoli sulla lotta tra Chiesa e Massoneria, o il terzo volume della trilogia Sistema Massonico e Ordine della Rosa Rossa, capirà immediatamente questo passaggio).
Quando qualche mese fa ho letto la sua dichiarazione sul settimanale argentino “Viva”, ove dichiarava che la Chiesa non dovrebbe fare proselitismo perché non è giusto convincere gli altri a fare qualcosa, mi sono detto tra me e me che come Papa avrebbe avuto vita breve e che anche la sua vita era in pericolo.
Dal punto di vista spirituale questa dichiarazione si salda infatti con la posizione del Concilio Vaticano II e con il forte messaggio lasciato da Giovanni Paolo II per rilanciare il problema dell'unità spirituale di tutte le religioni.

La sua recente dichiarazione contro la guerra è senza precedenti per un papa: "E' lecito fermare l'aggressore ingiusto. Sottolineo il verbo: fermare, non dico bombardare, o fare la guerra. Dico: fermarlo".
Oggi, a un giorno dalla questa dichiarazione (per certi scontata dal punto di vista del contenuto, ma per certi versi eccezionale, se detta da un papa, che è arrivato a dichiarare addirittura che c'è in atto una terza guerra mondiale, lì dove i suoi predecessori si sono sempre limitati a demenziali inviti alla pace) perdono la vita tre suoi parenti in un incidente; è arrivato dunque il primo avvertimento chiaro e diretto per calmierare il suo operato (come a suo tempo arrivò l’attentato a Papa Giovanni Paolo II).


Pregate per me, ha detto il Papa. Si badi: ha detto di pregare per lui, non per i suoi parenti morti. Perché dal punto di vista spirituale, i suoi parenti si sono ricongiunti al divino e sono tornati a casa, e lui lo sa bene. Non sono loro quindi il problema. Il problema è per lui, perché quei morti sono diretti a lui, e con quel “pregate per me” fa capire qual è il problema. Lui, e la Chiesa, e la riforma spirituale della Chiesa cattolica.

La guerra spirituale tra gruppi diversi è in corso da millenni. Dove si colloca Papa Francesco non posso dirlo e non posso saperlo, perché è troppo complicato individuare nel breve periodo la reale coloritura di un Papa che, per la sua particolare posizione (al centro di una serie di poteri convergenti sulla sua figura ma spesso in conflitto tra loro) è indefinibile. Molti papi sono stati costretti a tenere posizioni ambivalenti tenendo il piede in due, ma anche più scarpe, perchè una presa di posizione troppo netta in senso spirituale verrebbe immediatamente fermata con violenza, come è successo altre volte. 
Quel che è certo è che l’impulso spirituale dato alla Chiesa da questo Papa (sia esso di sola facciata, come dicono i complottisti, o sia anche sostanziale) è molto forte. Quel che è altrettanto certo è che la vita di questo Papa non sarà facile. E, infine, un’ulteriore certezza è che la Chiesa ha da tempo avviato un timido tentativo di riforma spirituale, molto malvisto in certi ambiti, accaniti avversari di ogni istanza spirituale dell’uomo.
La Chiesa deve essere infatti riformata sia dal punto di vista materiale che spirituale; ma la riforma che certi poteri temono di più è quella spirituale perchè, anche se le masse non sono in grado di comprenderlo, una volta diffusa una maggiore spiritualità nel mondo, il potere temporale cessa di avere un qualsiasi effetto sugli esseri umani.

In quest'ottica non c'è da stupirsi se il Papa, di ritorno da un viaggio in Corea, ha dichiarato: "ancora due o tre anni e poi me ne ritorno a casa", alludendo al fatto che non vivrà a lungo. Lo sa bene, Papa Francesco, che non vive a lungo chi cerca di portare vento di spiritualità nella Chiesa.


giovedì 14 agosto 2014

Tecniche di manipolazione: Crimini di guerra (Iraq-Gaza)



Dopo il mio primo video sulla questione mediorientale avevo promesso un articolo
sull’Iraq, che è in preparazione e nei prossimi giorni verrà pubblicato.

Visto però l’evolvere in questi giorni della situazione in quell’area ho deciso di
fare questo breve video perché, a mio parere, le notizie date dai nostri media
su quanto sta accadendo sono incomplete e, quindi, l’ascoltatore può essere
portato a travisare alcuni fatti.

Una notizia incompleta si presta, infatti, ad essere interpretata dall’ascoltatore
in maniera a volte errata, soprattutto se l’ascoltatore, come è normale, non ha
cognizione di alcuni dati che vengono omessi e che, sempre secondo me, invece
dovrebbero far parte integrante della notizia.


Partiamo dall’Iraq. 









A chi vuole approfondire il tema dei diritti umani e delle operazioni illecite consiglio il libro di









lunedì 11 agosto 2014

martedì 5 agosto 2014

Agosto: tre giorni di conferenze e dibattito su: Le 5 grandi religioni

Associazione Culturale
NouV


RESIDENCE
VILLA STARACE
  

Le religioni in un’ottica spirituale

con Paolo Franceschetti

Da giovedì 7 a lunedì 11 agosto 2014



Pantani e i suicidi anomali all'italiana








                                                          Gli ultimi giorni di Marco Pantani



1. Suicidi all'italiana. 
2. Marco Pantani. 
3. Attilio Manca. 
4. Altri tre suicidi eccellenti.



di Solange Manfredi.
1. Suicidi all'italiana
E ora si riapre il caso Pantani. Per 10 anni si è sostenuta l'ipotesi del suicidio nonostante in molti, e non solo i famigliari, avessero evidenziato anomalie e carenza di indagini; tali e tante anomalie che un giornalista francese ne ha addirittura scritto un libro, Gli ultimi giorni di Marco Pantani di Philippe Brunel.


domenica 3 agosto 2014

Il caso Pantani. La novità è che non c'è nessuna novità



Nel 2008 mi occupai del caso Pantani sostenendo la tesi si trattasse di un omicidio. Oggi compaiono titoloni su ogni giornale, dal Corriere della Sera ai quotidiani sportivi: “scoperta l’acqua calda, Pantani fu ucciso”.
“Notizia destinata a fare il giro del mondo” titola oggi la Gazzetta dello sport.
Molti mi domandano allora se finalmente si riuscirà ad avere giustizia, se forse non è il momento storico che certe verità vengano a galla, se, se, se, se…

sabato 2 agosto 2014

La verità sul Golpe Borghese

Il Golpe Borghese

In una lettera-testamento
a firma Junio Valerio Borghese
La “verità” sul Golpe




Per acquistare la copia cartacea clicca qui
per l'ebook qui

Dal blog di Solange Manfredi


“Italiani, l’auspicata svolta politica, il lungamente atteso colpo di Stato ha avuto luogo.
La formula politica che per un venticinquennio ci ha governato, ha portato l’Italia sull'orlo dello sfacelo economico e morale, ha cessato di esistere.
Nelle prossime ore, con successivi bollettini, vi verranno indicati i provvedimenti più immediati ed idonei a fronteggiare gli attuali squilibri della Nazione”.

mercoledì 30 luglio 2014

L'inesistente fenomeno dei serial killer


da: "Delitti e misteri" di maggio
I serial killer sono un fenomeno sottovalutato e sopravvalutato al tempo stesso, montato ad arte per fini politici e di controllo sociale.

lunedì 28 luglio 2014

LA FUNZIONE DEI LIBRI





di Solange Manfredi

Spesso le persone che incontro mi domandano: “Quali libri mi consigli? Cosa posso leggere per capire la realtà che mi circonda, per crescere e formarmi, per non cadere negli inganni quotidiani?”.

 La domanda è importante, perché i libri creano: valori, ideologie, pregiudizi, stereotipi, aiutano a crescere o fanatizzano. Proprio per questa loro fondamentale funzione il settore è, da sempre, tra i più “controllati” e “manipolati”.

sabato 26 luglio 2014

Forme d' Onda



Per chi, d’estate, rimasto orfano dalla trasmissione Border Nights, vuole ascoltare delle trasmissioni inedite su questo blog, vi proponiamo i podcast della trasmissione Forme d’Onda su Radio TRS, condotta da Rudy Seery, con ospite fissa Stefania Nicoletti.

Di seguito le puntate più interessanti, in cui sono stati ospiti, di volta in volta, Gianfranco Carpeoro, Fausto Carotenuto, l’on. Bartolomeo Pepe, Solange Manfredi, Paolo Franceschetti, Piero Cammerinesi, Massimo Mazzucco e molti altri ospiti d’eccezione che potrete scoprire da soli.


giovedì 24 luglio 2014

Il segreto di Stato e il traffico di armi: un potere fuori controllo. Verità per Graziella De Palo ed Italo Toni



graziella-de-palo


di Solange Manfredi
Il blog di Solange Manfredi:
http://solangemanfredi.blogspot.it/


La storia della nostra Repubblica è costellata di segreti di Stato che vengono apposti in maniera assolutamente impropria: per coprire gravi reati e violazione dei diritti umani. 

Una pratica ormai così diffusa e fuori controllo da destare allarme e preoccupazione ma che, nonostante ciò, è stata inspiegabilmente e pericolosamente avvallata dalla Corte Costituzionale (come avevo già palesato in un mio articolo pubblicato il 10 ottobre 2009). 

Il 16 maggio 2014, finalmente, tale preoccupazione è stata messa nero su bianco anche dalla Corte di Cassazione (Cassazione Penale, Sez. I, 16 maggio 2014, n. 20447) che nella sentenza testualmente afferma come la pronuncia della Corte Costituzionale abbia eliminato «alla radice la possibilità stessa di una verifica di legittimità, continenza e ragionevolezza dell’esercizio del potere di segretazione in capo alla competente autorità amministrativa, con compressione del dovere di accertamento dei reati da parte dell’autorità giudiziaria che inevitabilmente finisce per essere rimessa alla discrezionalità della politica". 

Un potere fuori controllo, dunque, quello del segreto di Stato. 


Un potere che tanti danni ha causato... e tanti ne potrà causare, purtroppo. 


Tra i tanti danni che ha causato c'è sicuramente quello che riguarda i giornalisti Graziella De Palo e Italo Toni, triste vicenda di cui avevo già parlato in un mio precedente articolo.


Ancora oggi, a distanza di 34 anni, i parenti di questi due coraggiosi giornalisti lottano per la verità, e per poter riavere i resti dei loro cari cui poter dare degna sepoltura. 

Pubblico quindi, con grande piacere, qui di seguito l'email inviatami da Giancarlo De Palo che riporta il suo ultimo appello: 


lunedì 21 luglio 2014

Ardea. 26 luglio.



Contributo per la presentazione 5 euro
NECESSARIA LA PRENOTAZIONE
Per prenotazioni : 3285459762 – a.forzavitale@gmail.com

Associazione Forza Vitale 
Via Ragusa, 5/b Ardea - Roma
Tessera Associativa 2014 - 10 euro
www.scuolataichi.it

venerdì 18 luglio 2014

Il blog di Solange Manfredi, dedicato alla guerra psicologica




Psyops, di Solange Manfredi
70 anni di operazioni di guerra psicologica in Italia

VENERDÌ 18 LUGLIO 2014


In questi anni Solange Manfredi si è occupata prevalentemente di servizi segreti e manipolazione psicologica.
Col suo libro Psyops descrive le operazioni di guerra psicologica in Italia, effettuate dai servizi segreti americani e italiani per portare all'ascesa alla caduta di Mussolini e Hitler, poi per creare una destra e una sinistra inesistenti e da ultimo per farci arrivare alla crisi attuale e al Trattato di Lisbona.

In questo nuovo blog inseriremo tutti i materiali riguardanti la guerra psicologica non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo, cominciando dal medioriente.

Il blog lo potete consultare a questo indirizzo:


lunedì 14 luglio 2014

Yara Gambirasio. Interrogazione parlamentare dell'on. Bartolomeo Pepe


L'interrogazione parlamentare sul caso Yara Gambirasio presentata dal Senatore Pepe, con la mia collaborazione.
Atto n. 3-01096
Pubblicato il 10 luglio 2014, nella seduta n. 276
PEPE - Al Presidente del Consiglio dei ministri. -



Premesso che:
- in data 16 giugno 2014 veniva data notizia dai giornali e dalle tv che era stato individuato l'autore dell'omicidio di Yara Gambirasio, sulla base del ritrovamento di una sua traccia di DNA sul corpo della vittima;
- la notizia veniva annunciata addirittura dall'onorevole Alfano, Ministro dell'interno;
tutte le indagini debbono essere condotte nella riservatezza più assoluta, tanto più indagini di questa rilevanza, sia per la tutela dovuta alle vittime che per quella garantita ai sospettati e soprattutto per garantire l'efficacia dell'indagine stessa.

- Ogni indizio (perché di questo si tratta, di un indizio e non di una prova) deve essere valutato con prudenza, potendo trattarsi di un falso indizio, o addirittura di un depistaggio;
- ogni cittadino è innocente fino a condanna definitiva, e in questo caso non solo non c'è alcuna condanna, ma addirittura la notizia è stata data quando si è in fase di indagine, per giunta in una fase prodromica, senza alcuna certezza,
si chiede di sapere:
- per quale motivo il Ministro dell'interno ha voluto dare una notizia con modalità a giudizio dell'interrogante assurde, mettendo a rischio le indagini, permettendo ad eventuali complici o agli eventuali responsabili effettivi di inquinare le prove, e violando in una volta sola princìpi costituzionali, princìpi procedurali, diritti dell'uomo, nonché le più banali regole di tecnica investigativa;
- se il Governo condivida la condotta del Ministro dell'interno.

sabato 12 luglio 2014

E' in edicola il nuovo numero di delitti e misteri







E' in edicola il nuovo numero di Delitti e Misteri. All'interno, articoli di Fabio Frabetti e Paolo Franceschetti.
Per abbonarsi (e sostenere una delle poche riviste libere di dire quello che altre non hanno il coraggio di dire):
http://www.delittiemisteri.eu/

lunedì 30 giugno 2014

Sul concetto di malattia di mente e di normalità.



Ovvero: Lettera ad un malato di mente


Oggi un mio assistito, Andrea, considerato malato psichiatrico, mi ha domandato: “Paolo, ma secondo te io sono un malato psichiatrico, sono matto?”
E una lettrice, Luce, mi ha domandato: “Ma come fai a reggere all’orrore di cui ti occupi, delitti rituali, ecc.?”

Le due domande sono correlate, perché riguardano il concetto di malattia mentale e di normalità.

Iniziamo dalla seconda domanda. Come faccio a resistere?
All’inizio in effetti ero terrorizzato dal fenomeno degli omicidi rituali; Mostro di Firenze, Bestie di Satana… una scia di morti in cui i colpevoli, persone in colletti bianchi, attribuivano la colpa a persone mormali, distruggendo intere famiglie, solo per ragioni politiche, esoteriche, e criminali.

Poi però, avendo a che fare con i cosiddetti sani, ho trovato persone che non vogliono capire, persone che ritengono assurdo che i ragazzi coinvolti nella vicenda delle Bestie di Satana siano innocenti perché “i giornali hanno detto che…”, che ritengono impossibile che gli assassini nei delitti del Mostro di Firenze siano un magistrato, un giornalista, un farmacista, un medico, un ambasciatore, un poliziotto, ecc. Perché lo ritengono impossibile? Perché “i giornali hanno detto che….”
Poi ho conosciuto i parenti delle vittime, senza alcuna intenzione di andare a fondo, tanto il figlio non glielo restituisce nessuno, ma almeno così vanno in televisione a piangere e li pagano pure per tutto questo.
Poi ho conosciuti i poliziotti collusi, i giornalisti collusi, i magistrati collusi, i poliziotti scemi, i giornalisti scemi, i magistrati scemi, e da anni, ormai, mi fa più paura la gente normale che gli assassini.

Chi ha ucciso le vittime del Mostro di Firenze, o le vittime delle Bestie di Satana, è un assassino, certo, ma ha una patologia conclamata che, se venisse scoperta, lo porterebbe quantomeno in galera e poi forse anche in manicomio criminale.

Ma i parenti delle vittime che colludono con gli assassini non hanno alcuna patologia conclamata.

Eppure mi fanno più paura loro.

Quando sono stato in ospedale e Mariapaola moriva, e i medici intorno continuavano a dire “va tutto bene, la radioterapia farà effetto fra qualche mese” (in realtà da lì ad un mese sarebbe morta) oppure “va tutto bene, ora facciamo un’altra bella chemio” e quando incontravo gli amici di Mariapaola, i parenti di Mariapaola, i medici di Mariapaola, che continuavano a dire “le terapie alternative? Naaa….. non crediamo alle terapie alternative” e la lasciavano morire senza prendersi la briga di ascoltare qualche minuto se c’era un’altra possibilità perché non ne avevano il tempo, ma senz’altro avevano il tempo la sera di guardarsi Striscia la notizia, poi il programma TV preferito, ecco io avevo paura di vivere in mezzo a gente come questa.

Quando Mariapola mi diceva “Paolo lasciami fare la chemioterapia in pace, così muoio, e la società condividerà questa mia scelta; voglio morire in modo condiviso dalla società e dai parenti”, la ammiravo per la sua chiarezza mentale, e la stimavo, riconfermando così quell’amore che per anni avevo nutrito per lei pur nel nostro incasinato rapporto, mentre avevo paura di quelli che mi dicevano “Mariapaola è matta, sta male, delira perché la malattia la destabilizza”. A me pareva che a delirare fossero gli altri.
Ricordo infatti un sms di un mio amico, Maurizio, che mi disse: “Mariapaola lì è l’unica persona cosciente. Gli altri sono inconsapevoli ma pensano di non esserlo, per questo non la capiscono”.

Gli assassini non mi fanno paura, ormai, perché quelli al massimo possono dare la morte, e la morte non mi ha mai fatto paura né la ritengo un male da evitare, ma la considero l’unica certezza della vita di chiunque.
Mi fanno paura invece le persone normali, quelli che ritengono normale andare in Iraq a fare milioni di morti perché “Saddam era un dittatore”, che ritengono normale votare persone che mettono le loro firme su dichiarazioni di guerra a stati esteri che decreteranno la morte di migliaia di civili e militari, stranieri e italiani, sol perché “lo impone la Nato”.
E mi fa paura che un capo di stato americano, dichiarando guerra a uno stato estero, non sia considerato malato di mente, mentre ad essere internato con un TSO sia Andrea sol perché “ha delle turbe di persecuzione”.
Il PM Vigna, dopo aver assassinato varie persone nei delitti del Mostro di Firenze, è stato promosso a capo della DIA.
Il generale che mi querelò per diffamazione ha ucciso la figlia di sette anni e un sottufficiale dell’esercito. Poi il magistrato ha archiviato l’omicidio dicendo che si trattava di un suicidio e che la sicura nell’arma si spiegava con un movimento involontario post mortem del suicida.
Ma a farsi il TSO è Andrea. Il generale ha invece tutti i parametri di normalità predefiniti dalle scienze psichiatriche per poter guidare addirittura un esercito.
Una psichiatra voleva fare un TSO anche a Mariapaola che, dopo l’operazione, disse: “Spero di morire al più presto per le metastasi, perché non ho la forza di suicidarmi, quindi per questo ho scelto di curarmi da voi”. Dopo due mesi sarebbe morta, come aveva predetto.
Nessun TSO invece, e quindi nessun disturbo nel pensiero, viene ravvisato in capo a quei medici che ritengono che l’alimentazione non abbia alcuna influenza sul tumore, e quindi a Mariapaola dicevano: “Ma certo, signorina, mangi pure quello che vuole. Non ci sono prove scientifiche della correlazione tra cibo e cancro”.
E’ considerato normale addestrare militari ad uccidere altre persone. E’ considerato normale invadere altri paesi. Le persone che hanno riempito l’Italia di discariche nucleari abusive sotto alla pavimentazione delle strade o sotto ai supermercati sono considerati normali. Avvelenare il cibo, le acque, le piante, è normale.

La domanda corretta, Luce, sarebbe: come fai a resistere all’orrore delle persone normali?
E la risposta corretta per Andrea è: sì, Andrea, per la società tu sei un malato di mente; ma provenendo la diagnosi da una società malata, non me ne preoccuperei troppo; anzi, forse, me ne farei pure un punto di vanto.
Sicuramente la puntura di quella sostanza di cui non ricordo ora il nome ti fa star meglio; sicuramente in futuro ci saranno spunti di miglioramento su sui si potrà lavorare ancora.

Ma mi preoccuperei il giorno in cui ti riterranno sano.
E mi preoccupa di più il fatto che per ancora molto tempo, punture per la gente che ho nominato sopra, e per i cosiddetti sani, non ce ne siano.


 

domenica 29 giugno 2014

ORIONE Magazine - nuova rivista on line




E' uscita ORIONE Magazine, la nuova rivista on line diretta da Carpeoro.

All'interno articoli di Paolo Franceschetti e Stefania Nicoletti.

Il primo numero è scaricabile gratuitamente qui:

http://www.fcoiaa.com/index.php/iscriviti/product/8-orione-magazine-n-1




martedì 17 giugno 2014

PSYOPS - Libro di Solange Manfredi


PSYOPS
di Solange Manfredi

70 anni di operazioni
di guerra psicologica in Italia



Finalmente è uscito il libro


70 anni di guerre psicologiche in italia. Come sono state create a tavolino la destra e la sinistra, come hanno inventato stragi rosse e nere per condizionare l'opinione pubblica, come Mussolini e Hitler sono stati condizionati a prendere decisioni molto diverse da quelle originali, per un preciso progetto che parte da lontano e arriva fino ai nostri giorni.







A proposito della strage di Motta Visconti e degli omicidi rituali



Come è noto, il 15 giugno esce la notizia che c’è stata una strage a Motta Visconti, in cui perdono la vita una mamma e due bambini piccoli.
Da una serie di indizi (che ora non sto a indicare, ma che per qualunque esoterista/simbolista, ma anche semplice lettore del blog, sono chiari) individuo immediatamente la possibilità (non la certezza, certo, ma solo la “possibilità”, anzi meglio sarebbe dire la “probabilità”) di un omicidio rituale.

Border nights. Per prenotare il libro della stagione.

Aggiornamento libro stagionale con la trascrizione degli interventi dei migliori ospiti.

Ad oggi siamo arrivati a 54 prenotazioni. Ne mancherebbero 46 al raggiungimento della soglia minima prevista per la stampa. C'è tempo fino al 10 luglio, per inviare la vostra pre-adesione a: 

bordernights@webradionetwork.eu 

In seguito saranno comunicati a tutti gli interessati le modalità di acquisto

giovedì 12 giugno 2014

Video del Convegno in Senato

Pubblichiamo il video del convegno "I poteri di condizionamento della società e della politica", tenutosi presso il Senato della Repubblica il 29 maggio 2014.

Relatori: Bartolomeo Pepe, Paolo Franceschetti, Solange Manfredi, Nino Galloni, Adriano Zaccagnini, Fausto Carotenuto.






mercoledì 11 giugno 2014

Border Nights - puntata 128 (ultima prima delle vacanze)

Novità: il libro di Border Nights
con le più interessanti interviste della stagione. Il libro va prenotato all'indirizzo:  bordernights@webradionetwork.eu e verrà stampato al raggiungimento di almeno 100 copie prenotate.



Ultima puntata della stagione 2013-2014. Con Paolo Franceschetti, Maestro di Dietrologia e un ascoltatore esperto di circoli e riti magici. Si parlerà anche di delitti rituali, organizzazioni occulte, P2 e molto altro. Vi diamo appuntamento alla prossima stagione sempre su Web Radio Network.

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-128-10-06-2014



giovedì 5 giugno 2014

Border Nights - puntata 127

Inizio di puntata dedicato all'energia orgonica con Salvatore Picciotto. Poi grande ritorno di Gianfranco Carpeoro con il quale si parlerà di esoterismo, P2, nuovo ordine mondiale, potere, massoneria, Beppe Grillo, sistema politico e scelta dei personaggi di primo piano. Con la partecipazione di Paolo Franceschetti e la consueta scheda di Maestro di Dietrologia. Border Nights va in onda in diretta ogni martedi alle 22 su Web Radio Network (http://www.webradionetwork.eu). Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu blog: http://bordernights.blogspot.it gruppo Facebook: border nights skype: border nights

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-127-03-06-2014



sabato 31 maggio 2014

Viterbo, 6 Giugno - Presentazione del 3° libro della trilogia



Viterbo
Venerdì 6 Giugno 2014

ore 18:30


Presentazione del libro
"Sistema Massonico e Ordine della Rosa Rossa, vol. 3"
di Paolo Franceschetti



presso Etruria Libri
via A. Pacinotti 9, zona Tribunale




Per info o prenotazioni:
tel. 0761 270626
etruriatribunale@libero.it




mercoledì 28 maggio 2014

Border Nights - puntata 126

Prima parte insieme a Paolo Franceschetti ed al direttore del mensile "Delitti&Misteri" Francesco Mura. Poi nella seconda parte collegamento con Francesco Raum, membro fraterno di alcuni circoli occulti magico-ermetici con il quale si parlerà di esoterismo, eggregore, delitti rituali, massoneria, energia e molto altro. Nel finale la scheda di maestro di dietrologia sulle elezioni europee. Border Nights va in onda in diretta ogni martedi alle 22 su Web Radio Network (http://www.webradionetwork.eu). Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu gruppo Facebook Border Nights blog http://bordernights.blogspot.it Skype: border nights

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-126-27-05-2014



mercoledì 21 maggio 2014

Border Nights - puntata 125

Ospiti della puntata Gianfranco Carpeoro, Carmelo Carlizzi e lo scrittore Roberto Dal Bosco. Con il contributo di Paolo Franceschetti si parla di mostro di Firenze, dei possibili collegamenti con il Forteto, dell'omicidio Meredith e dei messaggi simbolici che potrebbero contenere, a cominciare dal cosiddetto caso della donna crocifissa.
Border Nights va in onda ogni martedi in diretta dalle 22 su Web Radio Network. Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu blog http://bordernights.blogspot.it gruppo Facebook Border Nights

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-125-20-05-2014



domenica 18 maggio 2014

Border Nights - puntata 124

Inizio di puntata con Paolo Franceschetti con cui si parlerà del presunto maniaco di Firenze e di molto altro. Poi spazio a Andrea Bizzocchi autore del libro "Euroballe" (edizioni Il Punto di Incontro): si parla di Europa, moneta tradizionale ed elettronica, signoraggio, anatocismo, debito pubblico, governo ombra ecc. Nella seconda parte collegamento con la popolare attrice Eleonora Brigliadori che ci racconterà come si è avvicinata alla spiritualità e all'antroposofia di Steiner per arrivare poi a testimoniare il suo processo di guarigione dal tumore e da altre malattie raggiunto stando lontana dalla cosiddetta medicina tradizionale e abbracciando invece elevati stadi di spiritualità e di consapevolezza. Nel finale la consueta scheda di Maestro di Dietrologia dedicata ad "Uomini e Donne". Durante la puntata si è anche continuato ad ascoltare la musica a 432 hz con un altro brano di Giordano Sandalo.
Border Nights va in onda in diretta ogni martedi alle 22 su Web Radio Network. Blog: http://bordernights.blogspot.it gruppo Facebook: Border Nights email: bordernights@webradionetwork.eu

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-124-14-05-2014



Sito dedicato alla cura dei tumori. Nuovi aggiornamenti.



Come è noto, abbiamo creato un sito dedicato alla cura dei tumori (non è questa la cura e tu lo sai). Lo trovate a questo link: 
Non è questa la cura e tu lo sai

Il sito è stato aggiornato con nuovi articoli in materia di Terapia di Bella, Protocollo Pantellini, Teorie di Hamer, Articoli su alimentazioni e integratori (Curcuma, Artemisia Annua, Aloe, Graviola) e articoli vari con testimonianze e molto altro ancora.


mercoledì 7 maggio 2014

Border Nights - puntata 123 (dottor Roberto Santi - Sandalo Giordano)

Il primo ospite della puntata sarà il dottor Roberto Santi che pratica la bioterapia infusionale D'Abramo che avrebbe ottenuto risultanti grandiosi nel trattamento coadiuvante di malattie anche serie come tumori e aids. Insieme a lui Paolo Franceshetti che poi si intratterrà nel rispondere alle domande degli ascoltatori. Nella seconda parte spazio al musicista, compositore ed esperto di fisica vibrazionale Giordano Sandalo che racconterà i suoi studi sulla musica a 432hz, la potenza del suono a partire dalla sua accordatura. Sentiremo anche due suoi brani. Con questa puntata inizia anche la collaborazione con le edizioni "il punto di incontro". Ogni settimana presenteremo un libro a prezzo scontato per i nostri ascoltatori. Chiude la puntata la scheda di Maestro di Dietrologia. Border Nights va in onda ogni martedi alle 22 in diretta su Web Radio Network. Gruppo Facebook: border nights, blog http://bordernights.blogspot.it email: bordernights@webradionetwork.eu

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-123-06-05-2014



giovedì 1 maggio 2014

Nuovo blog, dedicato alla cura dei tumori



Abbiamo aperto un nuovo blog, dedicato alla cura dei tumori. Si chiama "non è questa la cura e tu lo sai", dalle ultime parole della mia ex compagna, Mariapaola, che ebbe una diagnosi di tumore a metà giugno del 2013, e che se ne è andata definitivamente il 22.4.2014, in soli 10 mesi, per quello che, stando ai medici, doveva essere un tumore semplice da curare ("un raffreddore", come l' ha chiamato qualche oncologo).
Con le sue ultime parole, Mariapaola alludeva alla cura dell'anima; intendeva dire, cioè, che non c'è cura, tradizionale o alternativa che sia, che possa guarire una persona, se non si guarisce la sua anima.

Il blog è questo:
Non è questa la cura e tu lo sai

mercoledì 30 aprile 2014

Border Nights - puntata 122 (Angela Patrizia Calvaruso - Eleonora letizia Futura)

Prima parte dedicata all'intervento dell'antropologa Angela Patrizia Calvaruso ed alle sue ricerche sugli psicopatici predatori (con riferimenti al vertice del sistema, all'esoterismo, alla psichiatria, ecc.). Nella seconda parte si torna a parlare di cura del tumore con Eleonora Letizia Futura, "la ragazza con la chemio nella borsetta".

Insieme a lei Paolo Franceschetti. Finale con il maestro di dietrologia ed i significati de "La canzone di Marinella" di Fabrizio De Andrè. Border Nights va in onda in diretta ogni martedi alle 22 su Web Radio Network. Blog: http://bordernights.blogspot.it gruppo Facebook: border nights. Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu Skype: border nights

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-122-29-04-2014



lunedì 28 aprile 2014

Non è questa la cura, e tu lo sai. (Diario di viaggio nel pianeta tumore)




Premessa. 

Questo è il diario di viaggio nel pianeta tumore che ho tenuto su Facebook, condividendolo con i lettori, durante tutta la malattia di Mariapaola.
Durante questo periodo, Mariapaola la chiamavo con la sola iniziale del nome, M, perché lei non aveva - perlomeno all'inizio - troppo piacere che io scrivessi tutto.
Ho mantenuto la sola iniziale, perché così l'hanno conosciuta i lettori che, per molti che mi scrivono è ancora, semplicemente, M.
Nel testo parlo di Mariapaola come di "una mia amica" perchè inizialmente non era d'accordo sul fatto che scrivessi le cose che la riguardavano. Ovviamente, non è una mia amica, ma è molto di più. E' la mia ex compagna, con cui negli anni ho condiviso un rapporto particolare, problematico ma di una intensità particolare che era difficilmente comprensibile ai più.

La storia di Mariapaola e della sua lotta particolare, è raccontata anche in questi altri due articoli:
1) Cronaca di un tumore annunciato (e di molte terapie rifiutate)

2) Io, Paolo e Mariapaola


mercoledì 23 aprile 2014

Border Nights - puntata 121. Ospite Corrado Malanga

Grande puntata insieme al prof. Corrado Malanga che risponderà alle numerosissime domande degli ascoltatori: adduzioni aliene, ufo, coscienza, potenzialità umana, mondo virtuale reale. Nella puntata anche la testimonianza di un fuoriuscito da Scientology, la scheda di Maestro di Dietrologia e la partecipazione di Stefania Nicoletti.
Border Nights va in onda ogni martedi alle 22 su Web Radio Network (http://www.webradionetwork.eu), blog http://bordernights.blogspot.it , gruppo Facebook Border Nights, Skype: border nights.

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-121-22-04-2014



venerdì 18 aprile 2014

Precisazioni riguardo all'obbligo della cravatta per la conferenza in senato

Molti ci scrivono per chiedere delucidazioni sull'obbligo di venire alla conferenza del 29 in senato con la giacca e la cravatta.
Di seguito forniamo una serie di indicazioni utili per chi si sente un coglione con la cravatta e quindi non l'ha mai comprata non la possiede e non sa annodarla. Questo al fine di permettere a tutti di venire vestiti adeguatamente e di non creare intralci nella gestione della conferenza.


giovedì 17 aprile 2014

io, Paolo e Mariapaola


Maurizio Fani

Paolo ti ringrazio dell’immeritata menzione.

Se ho fatto quello che ho fatto non è perché sono buono, generoso, altruista. Queste sono denotazioni oramai da lungo tempo superate. L’ho fatto solo perché provo un istintuale e profondo piacere nell’aiutare le persone a capirsi e a comprendere i molteplici meccanismi che influenzano la vita senza che se ne rendano minimamente conto. Oltre a fare succhi e composte nella mia piccola azienda agricola sono anche psicologo e psicoterapeuta insieme alla mia compagna Monica. Io personalmente svolgo questa attività da oltre 25 anni e l’ho quasi sempre fatta in maniera totalmente gratuita. 
Pur non essendo affiliato a nessuna confraternita di sorta ho sempre adottato il principio primo dei guaritori Rosa+Croce sul dovere della gratuità. Solo in pochi casi non ho rispettato questo principio perché era necessario fare diversamente.

mercoledì 16 aprile 2014

Border Nights - puntata 120 (Bartolomeo Pepe - Silvano Agosti)

Ospiti il senatore Bartolomeo Pepe (ex Movimento 5 stelle, oggi gruppo misto) e il regista Silvano Agosti (lavoro, Kirghisia, politica). Poi finale in compagnia di Stefania Nicoletti e di Maestro di Dietrologia. Border Nights va in onda in diretta ogni martedi alle 22 su Web Radio Network (http://www.webradionetwork.eu/player). Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu blog http://bordernights.blogspot.it Skype: border nights gruppo Facebook: border nights

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-120-15-04-2014



lunedì 14 aprile 2014

Roma, 29 maggio - Convegno presso il Senato della Repubblica


CONVEGNO
"I poteri di condizionamento della società e della politica"



Relatori

Solange Manfredi
Paolo Franceschetti
Fausto Carotenuto
Nino Galloni
Bartolomeo Pepe
Adriano Zaccagnini



29 maggio 2014
ore 9,30 - 13,00


presso il Senato della Repubblica
Sala Santa Maria in Aquiro
Piazza Capranica, 72
Roma



L'ingresso è libero, ma i posti sono limitati
È necessaria la prenotazione per l'accreditamento
Per prenotare, scrivere all'indirizzo mail del blog
drag-star@hotmail.it
indicando nome, cognome e data di nascita


Si ricorda che per gli uomini è obbligatorio indossare giacca e cravatta


- POSTI ESAURITI -

[ il convegno verrà filmato e pubblicato su Youtube ]